Generazione MEME di Melina Scalise

GENERAZIONE MEME immagineI cambiamenti sociali avvenuti negli ultimi decenni grazie allo sviluppo di nuove tecniche e mezzi di comunicazione hanno modificato il nostro linguaggio e i nostri stili di vita.
I ragazzi nati alla fine degli anni Novanta (principalmente tra i 14 e i 23 anni) sono oggi la prima generazione di adolescenti che comunica attraverso i social network. Il loro linguaggio è cambiato, nei segni, nei mezzi, nella velocità, nella molteplicità, nello spazio e nel tempo.
Le immagini hanno conquistato un ruolo di rilievo rispetto al linguaggio verbale. Questo fenomeno di cui si è intuita la potenzialità già con la televisione, è stato facilitato dalla possibilità di fotografare anche con i cellulari e dalla diffusione di queste immagini sui social network dove i protagonisti sono le persone comuni. E’ in questo contesto che si collocano i MEME, ovvero disegni o fotografie o mini video che diventano icone virali, riconoscibili tra le varie culture, utilizzati per comunicare stati emotivi da personalizzare per le diverse occasioni spesso con testi con carattere IMPACT (e credo non sia un caso la scelta del font: appunto di impatto).
I MEME, icone della comunicazione rapida via web, hanno le loro radici nei primi segni condivisi per esprimere le emozioni e riconducibili al volto umano (pareidolia) attraverso la tastiera di un computer. Punti e virgola, parentesi o altro ancora vengono codificati come un volto e queste combinazioni di segni diventano capaci di esprimere felicità o tristezza, complicità o indignazione e tanto altro ancora. L’evoluzione di questi primi tentativi iconici di comunicare le emozioni in modo veloce e immediato, ha portato alla nascita degli emoticon fino ad arrivare ai MEME che riescono a esprimere emozioni sempre più complesse perché combinano all’immagine anche le parole.
Questo fenomeno ha permesso a persone di culture diverse di comunicare attraverso le immagini un aspetto fondamentale della vita di relazione: l’emozione. Si supera in questo modo la barriera della lingua e della cultura riconducendo il dialogo ad aspetti fondamentali legati all’individuo, perché dal volto e dal gesto del singolo si esprimono anche concetti che possono essere estesi fino ad acquisire una valenza sociale. Il volto diventa l’icona per eccellenza. Del resto non c’è da stupirsi se si pensa che la prima immagine che ognuno di noi vede per la prima volta nella vita è il volto della madre o comunque di un essere umano che generalmente si pone verso un neonato con uno sguardo di tenerezza e un sorriso. Quell’espressione, quella sensazione e quello stato emotivo diventano quello che ricerchiamo per tutto il resto della nostra vita: un sorriso, uno sguardo amorevole.
L’individuo, grazie al web e ai social network, aumenta la sua visibilità, valorizza la sua storia, può fare di ognuno un protagonista e Facebook (appunto il libro delle facce) diventerà il più grande cimitero del mondo dove nessuno potenzialmente potrà essere dimenticato (Le ultime lettere a Jacopo Ortis di Foscolo non sarebbe mai state scritte oggi). L’uomo al centro e qualcuno direbbe, palle al centro. Ed eccole le palle, le facce a palla, riconducibili a un disegno infantile, a costituire persino una nuova mappatura del pianeta con il fenomeno dei Countryballs dove si propongono intere mappe del mondo rivisitate da immagini iconiche vicine ai MEME. Qui le nazioni vengono rappresentate non dalla bandiere, ma dall’emozione dominante del popolo che vi appartiene.

Un aspetto interessante della percezione del mondo da parte dei giovani perché parte dal punto di vista degli abitanti e l’emozione dominante dice più di qualunque discorso politico. Il termometro sociale è dato da come sta l’individuo che vi abita, a prescindere da qualunque discorso, ideologia o riconoscibilità geo-politica. E’ un po’ come dire “si è prima uomini, poi cittadini”. La risposta sociale all’eccesso di comunicazione di questa generazione è ricondurre il tutto all’informazione principale: “come stai?”.
Ma i MEME hanno la loro radice di senso anche nella loro terminologia. MEME deriva dalla parola inglese meme, dal greco mímēma «imitazione» e la sua fonetica ne rafforza il concetto ME-ME: due volte me.
Il primo ad utilizzare questo termine è un etologo e biologo, Richard Dawkins nel libro “Il gene egoista” scritto nel 1976, che elabora una teoria evoluzionista alternativa a quella Darwiniana prendendo come riferimento non la specie, ma il punto di vista del gene. La sua teoria, non sarebbe stata mai elaborata senza la scoperta di strumenti tecnologici capaci di vedere sempre più da vicino il micro mondo. Lo studioso teorizzò che l’evoluzione della specie non è frutto di una sorta di adattamento all’ambiente che potrebbe presumere una scelta intelligente, ma di un errore. I geni in pratica tenderebbero a duplicarsi per imitazione, ma la possibilità che questa duplicazione possa incorrere in errore fa sì che nella ripetizione si possa generare un cambiamento. Se questo si rivela efficace nell’interazione con l’ambiente circostante, l’errore si ripete e il risultato è l’evoluzione della specie, quindi il caso assume un ruolo di protagonista.
L’imitazione e la ripetizione, secondo Piaget che teorizza la “coazione a ripetere” a fondamento dell’apprendimento del coordinamento motorio e della relazione oggettuale, assumono, in questo contesto, una nuova luce.
Pensiamo anche a quanto il linguaggio dell’infanzia, la cosiddetta “lallazione” si fondi su una ripetizione fonetica “la-la”, “Ma-ma”, “Pa-pa” che oggi si traduce anche in “ME-ME”. Tutto sembra assumere un nuovo senso se, questi aspetti, si riportano ai meccanismi di comunicazione diffusi oggi tra i giovani. E’ come se si fosse innescato un meccanismo di recupero degli elementi costitutivi del linguaggio, compresa l’immagine e la relazione. Un risultato che, comunque, secondo me, non costituisce una regressione, ma un’evoluzione che ripone al centro l’individuo, come se si azzerasse la complessità, per partire da un nuovo punto di vista: dal particolare al generale.
L’imitazione, la ripetizione, la ridondanza del messaggio la troviamo persino nei gusti musicali dei giovani di oggi che ascoltano musica elettronica, impossibile da produrre con strumenti acustici, eppure, questa “generazione MEME” , apparentemente lontanissima dai giovani “Figli dei Fiori” degli anni 70, alla fine porta con sé l’esito di alcune scoperte, intuizioni ed elementi creativi di quegli anni compresa la musica elettronica.
Tutto ruota attorno a flussi di energia e grazie all’energia. La comunicazione globale non sarebbe possibile senza le onde elettromagnetiche. Nelle sue leggi fisiche troviamo altre risposte, altri spunti di riflessione sulla contemporaneità. La fisica classica che spiega i meccanismi che regolano il macromondo viene sostituita dalla fisica quantistica che cerca di spiegare l’invisibile che parla di no local, di nuove sfere di influenza e relazione. La materia rivela una dimensione energetica, i Quanti, appunto: ondulatoria e corpuscolare. Essa è in quanto indeterminata: vive nell’incertezza. Come la “generazione MEME” che a differenza dei trentenni e quarantenni che lamentano la precarietà e la subiscono, loro non sembrano vivere l’ansia dell’instabilità in quanto intrinseca alla velocità di cambiamento del loro mondo, del loro linguaggio, delle loro relazioni, della loro possibilità di muoversi e viaggiare. Attraverso i MEME esprimono buoni dosi di ironia e anche di critica sociale, senza scendere nelle piazze e senza comizi come facevano i loro nonni o padri, ma dando un senso di leggerezza alla vita che invidierebbe loro anche Milan Kundera che scrisse L’insostenibile leggerezza dell’essere. La sostenibilità è il loro fine.

di Melina Scalise

Testo per il progetto di stage realizzato con i ragazzi del Liceo Scientifico Carducci di Milano.

inserito all”interno del percorso

ARTE E LINGUAGGIO NELL’ERA DIGITALE
Due mostre d’arte e un’esposizione e laboratorio con liceali milanesi
 A cura di Francesco Tadini e Melina Scalise
 
ESPOSIZIONI
Dal 29 aprile al 18 maggio 2016
Inaugurazione 29 aprile dalle 18.30
 
“MOLESKINE E VIAGGI D’ARTISTA” di Eleonora Prado
“PAESAGGIO BINARIO” di Andrea Chinese
“GENERAZIONE MEME”
studenti del Liceo Scientifico Carducci di Milano
 banner-mostra-moleskine“Moleskine e viaggi d’artista” di Eleonora Prado, “Paesaggio binario” di Andrea Chinese e “Generazione MEME” vi accompagneranno in un viaggio alla scoperta dell’evoluzione del linguaggio visivo dal segno all’ultima invenzione tecnologica ovvero la penna computer da utilizzare su carta Moleskine che traduce l’analogico in digitale, fino all’esplorazione del fenomeno dei MEME che, tra i giovani, sostituisce il linguaggio verbale nel racconto di stati emotivi.
Un vero e proprio itinerario che ripercorre la storia dei mezzi utilizzati dall’uomo per comunicare attraverso i segni dalla pietra al computer, al web, fino alla penna digitale.
Eleonora Prado autrice della rubrica “Moleskine e viaggi d’artista” su milanoartexpo.com, curata da Francesco Tadini, espone a Spazio Tadini in particolare i suoi disegni realizzati durante l’ultimo viaggio in Vietnam e sarà la prima artista a realizzare dal vivo opere con lo Smart Writing set di Moleskine. Si tratta di una penna che ha le premesse rivoluzionarie che ebbe il tubetto di colore per gli impressionisti permettendo loro di poter dipingere all’aperto. Con questo strumento il disegno su carta diventa automaticamente digitale moltiplicando le possibilità di espressione artistica.
cartolina elettronica andrea chineseAndrea Chinese esporrà i suoi “Paesaggi binari”, ovvero disegni a penna composti esclusivamente da piccoli segmenti, la cui variazione di densità, lunghezza e direzione porta alla costituzione della forma. Il linguaggio binario, bianco e nero, su cui si fonda il linguaggio informatico, viene impiegato per una composizione analogica che raffigura l’ambiente in cui l’uomo si muove e guarda. Chinese riproduce prevalentemente mappe aeree per restituire, attraverso il puro racconto della forma, il rapporto tra antropico e naturale anche nelle sue varianti prospettiche.
“Generazione MEME” è il risultato di uno stage con un gruppo di studenti del terzo anno che frequenta il liceo Scientifico Carducci di Milano a cura di Melina Scalise, psicologa, per indagare uno degli aspetti del linguaggio giovanile: i MEME. Si tratta di immagini prima disegni, poi fotografie e oggi anche brevi video utilizzati nel linguaggio web soprattutto per comunicare situazioni emotive. I ragazzi esporranno i MEME più utilizzati, ne illustreranno la nascita e l’evoluzione, il senso e la portata sociale con approfondimenti con i loro docenti ed incontri durante la durata della mostra. I giovani racconteranno se stessi e i cambiamenti linguistici in atto nell’era digitale.

 

 

Annunci