Fiaba della notte: voltare pagina

C’era una volta, l’opportunità di una svolta.

Luigi camminava lungo la solita strada, ma venne interrotta per una frana. Non c’era altra soluzione che addentrarsi nel bosco. Uno sterrato poco affidabile che non aveva mai percorso, neppure per un tratto. Non sapeva assolutamente da che parte sbucasse e, forse, prendendo il sentiero sbagliato, si trovò di fronte a un lago ….

Sandra si era messa il solito vestito della festa, ma sul più bello, mentre era a pochi passi dall’entrare nel locale per incontrare i suoi amici, si trovò davanti a una scena imprevista: una vecchina, proprio davanti ai suoi occhi, venne investita. Chiamò l’ambulanza e non si sentì di lasciarla sola, vi salì a bordo….

Alessandro volse la pagina.

Luigi fermò la macchina e gettò un sasso nel lago. Pochi minuti rubati al suo tempo di corsa perchè lo aspettavano in azienda a lavorare. Andava raramente a trovare una persona che amava, ma quella strada imprevista gli diede una scusa per non fare ciò che gli altri si aspettavano da lui. Rimase per diversi minuti a guardare il paesaggio.

Sandra entrò in ospedale spaventata. Aveva tenuto la mano all’anziana signora investita per tutto il tempo. Un infermiere le chiese se fosse sua figlia, ma lei disse d’istinto: “sono una sua lontana nipote”. Così la fecero stare con lei nella stanza. Quando si riprese la vecchina credeva di avere davanti a sè un angelo e le disse: “Portami a casa”.

Alessandro volse la pagina.

Luigi rimontò in macchina. Sapendo che avrebbe impiegato più tempo del solito per la sua visita, ma non aveva alcuna intenzione di rinunciarvi.

Sandra accompagnò l’anziana signora a casa, dimenticando la serata con gli amici, perchè qualcosa la legava a lei.

Alessandro volse la pagina.

Quando Luigi arrivò a casa di sua madre tirò fuori le chiavi dalla tasca, ma la porta non si apriva perchè dentro c’erano delle chiavi.

Quando Sandra arrivò a casa dell’anziana signora il conducente dell’ambulanza sbattè la porta e salirono le scale verso casa.

Alessandro sentì suonare alla porta.

Aprì la porta e vide suo fratello Luigi e sua madre accompagnata da una giovane donna.

La pagina nuova è una pagina bianca.

Volta la pagina.

di Melina Scalise ogni riproduzione è vietata senza citare l’autore

(vedi tutte le favole precedenti)